Ius primae noctis Visualizza ingrandito

Ius primae noctis

297 ISBN-9788868470548

Nuovo prodotto

Autore: Armando Mancini

Maggiori dettagli

11,54 €

Pagamento sicuro con
Pagamento sicuro con

Scheda tecnica

Altezza mm. 210
Larghezza mm. 130
Spessore mm. 7
Pagine n. 112
Tipo rilegatura filo refe
Pubblicazione ottobre 2014

Dettagli

Ius primae noctis - Ed altri boccacceschi racconti in “volgaruccio” -

Quando Evenio terzo re di Scozia istituitte lo ius primae noctis, acciocchè lui medesimo e li potenti signori sui vassalli, avessino diritto sui servi della gleba di giacere se volessino con le loro donne pria che queste andassino spose ai mariti loro, mai immaginato averebbe che tale pratica con tanto favore accolta fusse dai signori feudatari che alli altri diritti del signore, come quelli che riguardan la caccia le tasse e la agricoltura, volentierissimo aggiunsono questo, per loro, sollazzevole balzello.
Appena lo conte Oberto di Ventimiglia, che dimora avea in un castello dell’Imperiese vicino a Montalto, viense a sapere che molti signori questo diritto applicavan da tempo nei feudi loro, volse subito adeguarsi e anco nel feudo suo introdusse questa usanza.